Ho visto cose… – Maggio 2011


Incredibiliario italiano per il mese di Maggio del 2011.

27 MaggioRatko Mladic, il generale dell’esercito Serbo responsabile dell’eccidio di Srebrenica, è stato arrestato da qualche giorno e il tribunale internazionale dell’Aja ne ha ottenuto l’estradizione. L’on. Borghezio dichiara “lo andro’ a trovare in carcere: è un vero patriota“.

26 Maggio – la campagna elettorale è agli sgoccioli e si possono tirare le somme. Mi sono rifiutato di annotare puntualemnte in questa rubrica tutte le cose che sono emerse e che vi avrebbero trovato giustamente posto. Segnalo dunque solo le menzioni d’onore a mio modesto parere. Categoria “big”: Pisapia è l’Anticristo, profetica visione del settimanale CLino “Tempi“. Per la categoria “creatività” vince l’on Borghezio: “Pisapia è un falso sinistro, un utile idiota dei poteri forti

Scilipoti incontenibile: intende organizzare a sue spese e capeggiare una missione diplomatica per recarsi in Somalia a trattare la liberazione dei 5 marinai italiani della Savina Caylyn, sequestrata dai pirati l’8 febbraio scorso

20 Maggio – A Bonea, provincia di Benevento, eletto il piu’ giovane sindaco d’Italia, Salvatore Paradiso, 18 anni. Suo padre, Gennaro, è sindaco uscente dopo due mandati. Riguardo alla nomina del sindaco ammette chiaramente: “Ovviamente un ragazzo appena maggiorenne non può sapere nulla di cosa sia un Puc e probabilmente nemmeno di cosa sia una delibera, ma non è un problema. Mio figlio non deve essere neanche nominato, perché lui non dovrà fare nulla, mi occupero’ di tutto io”. Un semplice trucco quindi per aggirare la legge sul doppio mandato da sindaco. Quando la politica è affare di famiglia: nel 2006 l’unica lista “sfidante” alla rielezione di Paradiso era capeggiata dalla moglie….

16 Maggio – Elezioni amministrative. Forse qualcosa sta davvero cambiando: “Il Giornale”, una volta tanto, non ha scritto cazzate sulla propria home page.

Altro indizio del cambiamento in atto: Per tutto il giorno , in tv, non si è visto Berlusconi.

Si è visto invece Formigoni che ha timidamente tentato di attribuire la debacle della Moratti alla crisi internazionale e alla Guerra in Libia.

11 Maggio – I primi dati non ufficiali dicono che a Roma il 18% del pubblico impiego si è messo in ferie per oggi. La causa sta nell’attesa di vedere confermate o smentite le previsioni di Raffaele Bendandi.

6 Maggiol’on. Alessandra Mussolini contro il collega Mazzucca reo di avergli posto una strana domanda, durante i lavori parlamentari. Mazzucca è un parlamentare di un certo livello, responsabile della comunicazione del PdL alla Camera, ma, evidentemente, ha molto tempo libero. Ecco quindi che si è avvicinato alla collega e avrebbe chiesto: “Ma tu vuoi essere inserita al quinto posto della classifica? Sai ne scriverò una su Panorama”. Alessandra Mussolini, ingenuamente, risponde: “Di chi ha presentato più disegni di legge?” “Macchè – tuona Mazzuca – io sto parlando di culi, il tuo è al quinto posto“. Purtroppo non si conoscono le esatte parole di risposta della collega

5 Maggio – L”on.Luca Bellotti  è stato nominato nuovo sottosegretario al welfare. La sua prima dichiarazione è stata:”Se dicessi che conosco i problemi del welfare direi una bugia“. Un buon punto di partenza.

4 Maggio – Durante una trasmissione televisiva, il ministro La Russa si è lasciato andare in una valutazione sulla crisi dei rifiuti a Napoli: “Berlusconi Napoli l’ha pulita, sono loro che l’hanno risporcata“. Mannaggia a loro.

1 Maggio – Per le celebrazioni della Festa del Lavoro, il Presidente Napolitano rinnova l’invito a calmare i toni dello scontro politico all’insegna della concordia e di un nuovo clima di collaborazione istituzionale. Meno di 10 ore dopo il Ministro dello sviluppo economico, Romani, parla di una sua collega ministro «Quella matta della Prestigiacomo mi fa incazzare anche oggi…». Linguaggio «colorito» il suo, ammetterà poi il ministro allo Sviluppo economico Romani, ma con la collega ministra dell’Ambiente restano «rapporti ottimi», non c’è «alcun contrasto personale». Ovviamente.

Preoccupazione e grande paura a Napoli. Non c’entra il problema dei rifiuti, la cui mancata raccolta è tornata a livelli terribili, e nemmeno la morsa della criminalità organizzata: il sangue di San Gennaro non si è sciolto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...