La Regola e l’eccezione


All’indomani della condanna definitiva di Salvatore “Toto’ Vasa Vasa” Cuffaro, è sorto un certo dibattito, invero abbastanza sommesso e offuscato dalle notizie più  “glamour” del c.d. Ruby-gate.

Le reazioni sono le piu’ disparate: gettonatissimo lo sfotto’ che ruota intorno ai famosi cannoli, qualche posizione piu’ cattiva e “vendicativa”, ma non mancano nemmeno gli attestati di stima soprattutto – ovviamente – da ex sostenitori politici.

Ma tra tutte le opinioni espresse, ve ne sono alcune che faccio davvero fatica a comprendere e che mi sorprendono parecchio provenendo da posizioni politiche molto diverse. Non capisco nella maniera piu’ assoluta tutti quei commenti che plaudono alla presunta “dignità”, “correttezza”, “rigore morale” che l’ex-presidente siciliano avrebbe tenuto presentandosi spontaneamente ai Carabinieri prima di essere tradotto a Rebibbia.

Spiegatemi: ma che altro avrebbe dovuto fare?

Forse non a tutti è chiaro che in presenza di una condanna definitiva alla reclusione, la sola alternativa possibile è la fuga, la latitanza.

Per cui spiegatemi: dove sarebbe questo comportamento “dignitoso”, “onorevole”, “meritevole” che ha contraddistinto Cuffaro?

Per come la vedo io, ha fatto, nè piu ne meno, l’unica cose che doveva/poteva fare: consegnarsi alla giustizia. E poco importa che a firmare la notifica di sentenza ci sia andato a piedi o a bordo di una volante della Polizia.

Il fatto che siamo in un Paese dove larga parte della classe dirigente politica vìola sistematicamente le regole della giustizia nascondendosi dietro le scuse, le intimazioni e le minacce più diverse non è una giustificazione per poter definire quasi eroico un singolo atto compiuto secondo quanto prescritto dalle leggi (cosa che dovrebbe piuttosto essere considerata la normalità).

E’ sbagliato e pericoloso fare queste generalizzazioni – manfrine mielose del peggiore e finto “politically correct” –  perchè contribuisce a deformare il senso della legalità e la percezione della giustizia. Anche in una desolante fase della vita del nostro paese in cui pare che l’eccezione abbia definitivamente soppiantato la regola e il suo rispetto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...