L’ultima preghiera.


I giudici della seconda sezione penale della Corte di Cassazione, presieduta dal giudice Antonio Esposito, hanno confermato la condanna a sette anni di reclusione per Salvatore “Toto'” Cuffaro, per favoreggiamento aggravato a Cosa nostra e violazione del segreto istruttorio nell’ambito del processo “talpe alla Dda”.

Si chiude finalmente un processo che aveva a lungo fatto discutere per la stravaganza e il comportamento ostentatamente tranquillo e strafottente dell’ex senatore dell’Udc, passato poi alla lista Popolari Italia Domani. Passati alla storia i cannoli offerti a Palazzo dei Normanni all’indomani della condanna in primo grado; il motivo di tanta gioia: la mancata conferma dell’accusa di “concorso esterno in associazione mafiosa”.

Cuffaro ha accolto la sentenza con rassegnazione, non piu’ la spavalderia alla quale ci aveva abituati sin dai tempi della puntata del “Maurizio Costanzo show” in cui si scaglio’ contro Falcone contestandogli di fare male alla sicilia e agli Italiani.

Ha comunque tentato di trasformare gli ultimi suoi minuti da uomo libero in uno spettacolo recandosi in preghiera, questa mattina , nella chiesa di Santa Maria della Minerva nei pressi della sua abitazione romana, di fronte al Pantheon, in attesa della sentenza e ben davanti agli obiettivi delle telecamere. L’ex senatore non ha cessato di far sapere al mondo la sua “profonda fede nella protezione della Madonna” (scoprono la fede solo davanti all’incubo della cella, mai prima di delinquere) che lo ha accompagnato e sostenuto in questi mesi, mentre i Ros lo accompagnavano prima  alla stazione Farnese, per la notifica della sentenza e in seguito a Rebibbia.

Condannati con lui il manager della sanità privata siciliana Michele Aiello al quale sono stati inflitti 15 anni e mezzo di reclusione. Riduzione di poco per l’ex maresciallo del Ros di Palermo Giorgio Riolo che passa da una pena di 8 anni a 7 anni, 5 mesi e 10 giorni. Il radiologo Aldo Carcione è stato condannato definitivamente a 4 anni e 6 mesi.

Tra poche settimane un nuovo processo, sempre a carico di Cuffaro, arriverà a conclusione e in quel caso l’accusa è di “favoreggiamento esterno”. La pena per l’ex governatore si potrebbe drasticamente aumentare.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...