Una città che cade sempre dalle nuvole


Oggi si apprende dalle colonne de “la provincia” che il sovrintendente ai beni architettonici della Lombardia, Arturo Artioli, ha bocciato in modo assoluto il progetto vincitore del “concorso di idee” indetto circa un anno fa per selezionare il miglior progetto per la predisposizione e l’allestimento del lungo lago nel “post-paratie”. Tutto da stralciare, tutto da rifare! con buona pace del concorso, dei concorrenti e, in ultimo, dei comaschi.

Mi domando: ma qualcuno ci credeva veramente? Un concorso di idee che era stato indetto in pompa magna, all’antivigilia di Natale, solo per coprire un conclamato buco di bilancio in divenire, il fallimento di un progetto cheche non avrebbe minimamente rispettato i tempi promessi e sul quale pendeva ( pende tutt’ora) lo spettro delle indagini della Corte dei Conti, per cercare di evitare il collasso dei consensi di un sindaco che si era giocato la propria rielezione su quel progetto. Ecco a cosa serviva il “concorso di idee” tanto acclamato da Formigoni: presentato casualmente subito dopo le proteste sul “muro”, presentato casualmente alla vigilia della campagna elettorale delle regionali. A nulla di più.

Ma ovviamente i “media” comaschi ci credevano e solo oggi si rendono conto della colossale cappellata. Esattamente come per tanti altri episodi, dall’amianto in Ticosa, ai bilanci delle grandi mostre, ai problemi del nuovo Sant’Anna, anche in questo caso si arriva sempre dopo mesi e mesi a rendersi conto degli errori, degli sprechi, dei passi falsi. La spiegazione è semplice: le indicazioni degli editori mutano con il tempo. Ma da fuori Como sembra una volta di più una città che cade sempre dalle nuvole.

Annunci

Un pensiero su “Una città che cade sempre dalle nuvole

  1. Più che altro questa città “cade dalle nubi”, nel senso che la cosa sta diventando comica.
    I media cittadini sono corresponsabili della situazione: hanno dato credito per anni a questo gruppo di potere che oggi racconta solo favolette e non combina niente.
    Tutte le iniziative degli ultimi anni si sono rivelate delle bufale ma i media cittadini sono pieni, come sempre, delle solite facce.
    E allora non c’è speranza: Como cade dalle nuvi e finisce lentamente in un buco nero…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...